SE VA BENE VA ANCORA MALE

La maratona nacque in memoria della corsa a perdifiato di Fidippide, per annunciare ad Atene l’esito della battaglia. Oggi, se volessi spedire queste righe al mio amico che abita a Sydney, potrei farlo con un clic. L’attuale velocità della comunicazione ha infiniti vantaggi ma un lato negativo: rischiamo di considerare preistoria un fatto di un paio d’anni fa. Basti vedere che Rai Storia parla continuamente di fascismo, nazismo e Seconda Guerra Mondiale e quasi mai di qualcosa che sia avvenuto prima del XX Secolo. Settecento? Medio Evo? Hic sunt leones.
Anche il mondo dell’immaginario ha subito un’accelerazione. Mentre nell’Ottocento i lettori erano capaci di leggere un romanzo come Guerra e Pace, e perfino nel Novecento si sono venduti romanzi fluviali come l’insipido “Via col Vento” o l’insignificante “I Buddenbrook” (posso dirlo, li ho letti tutte e due), nell’epoca contemporanea l’opera d’arte più corrente è il film: una narrazione in cui il fruitore non fa nessuno sforzo e che in un paio d’ore deve arrivare alla sua conclusione. E questi, come si sa, non sono i tempi della vita.
Ciò ci può indurre in errore. Oggi, quando la televisione annuncia un delitto orrendo, la gente quasi si aspetta che i Carabinieri identifichino il colpevole immediatamente. Come avviene nei telefilm. Mentre nella realtà a volte il colpevole è identificato dopo mesi, a volte dopo anni, a volte mai.
Questa falsa sensazione del tempo opera anche in politica. L’attuale governo – a parte la grancassa salviniana sugli immigrati – non ha ancora avuto il tempo di governare, bene o male che sia. E tuttavia già serpeggia la voglia di trarre conclusioni. Per la verità l’ho fatto più volte io stesso, ma non parlando di uomini, semplicemente mettendo a confronto programmi e disponibilità finanziarie. Viceversa molti ne fanno una questione di personalità e di volontà politica. Per questo il Movimento 5 Stelle è tacciato di immobilismo e d’incapacità di reazione nei confronti dell’invadenza di Salvini. La realtà è che ancora non abbiamo visto niente.
C’è una vicenda sintomatica che può servire da bussola in questo caos. Come sappiamo, a livello internettiano e popolare, c’è stata una sorta di sollevazione contro i vaccini. Scientificamente tanto fondata quanto l’elettrosmog, ma questo poco importa. Finché cavalcare la tigre porta voti, si spari pure ad alzo zero contro i vaccini. Ma, quando si è al governo, le cose cambiano e si è costretti a badare alle conseguenze della propria demagogia. Si possono trascurare le conseguenze lontane (“Se ne occuperà il governo in quel momento al potere”) ma non si possono trascurare quelle del breve e medio termine. Perché, insciallah, si potrebbe ancora essere al governo. E se in quel momento si dichiarasse un’epidemia e i bambini cominciassero a morire come mosche, forse la gente caccerebbe via i politici con i forconi. I demagoghi si possono occupare di voti, i governanti devono tenere conto della spietata realtà.
Oggi Salvini dichiara in modo confuso che i vaccini fanno male e conquista i titoli dei giornali. Ma non gli servirà a molto. Le domande sono una folla: tutti e dieci i vaccini obbligatori? Quanti di essi? E perché? E con quali prove scientifiche? Tutte domande che al demagogo non interessano, ma interessano al ministro della salute. La quale infatti l’ha seccamente rimbeccato con una frase lapidaria e incontestabile: il giudizio sui vaccini lo dà la scienza, non la politica. Ecco il punto: se Salvini crede di poter governare con la demagogia, sbaglia. Più il tempo passerà, più il governo si dovrà confrontare con la realtà. Ed è questo il vero problema. Perché la realtà riguarda l’Iva, il Fmi, l’euro, l’Unione Europea, l’Ilva di Taranto, l’Alitalia, la disoccupazione e soprattutto il debito pubblico che, per paura della reazione dei mercati, tiene ermeticamente chiuso il cassetto della spesa in deficit.
Ecco i veri problemi. Non del M5S, e neppure di Salvini: dell’Italia. Questa fase, in cui ci possiamo occupare delle opinioni di un Matteo qualunque sui vaccini è soltanto un momento di pausa. La vera partita non è ancora cominciata e sembra che non la vinceremo: prima ancora che per l’incapacità dei nostri giocatori, perché tutti i dati obiettivi sono contro di noi.
Come si esprimeva anni fa un titolo di film: “Se va bene siamo rovinati”.
Gianni Pardo, giannipardo@libero.it
23 giugno 2018

SE VA BENE VA ANCORA MALEultima modifica: 2018-06-23T12:09:06+02:00da gianni.pardo
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “SE VA BENE VA ANCORA MALE

  1. Beh, che “il giudizio sui vaccini lo dà la scienza, non la politica”, detto dalla Grillo, non è che mi convibca molto. La Grillo contribuì attivamente, nel M5S, alla demolizione di Ilaria Capua (con un post sul blog cancellato dopo la nomina a ministro) e, anche dopo il proscioglimento, nella discussione sulle dimissioni della Capua, il deputato Cozzolino asciuttamente riuscì solo a dire “il movimento cinque stelle voterà a favore”, mentre altri avevano speso ben altre parole di lode e apprezzamento. Il pentimento “bruciava”.
    E di pertinenza della Grillo ci sono ben altri macigni: dal “genome editing” embrionale alla sperimentazione animale agli OGM in agricoltura all’eutanasia ; tutti argomenti su cui proprio il 5S e i vari Adinolfi, pro vita ecc. hanno alzato muri. E a loro bisognerà pur dare qualcosa.

  2. Guardi professore che Salvini non ha MAI detto che “i vaccini fanno male”, si è schierato semplicemente contro l’OBBLIGATORIETA’ VACCINALE, ossia contro l’idea di forzare i cittadini a vaccinarsi.
    Sono due cose diverse.
    Quanto alla demagogia e alla realtà, la risposta alle sue perplessità di oggi, l’ha fornita Lei stesso in un post di ieri o l’altro ieri non ricordo, dove ci ha delineato in maniera sinteticamente efficace quella che è la strategia di Salvini: prendersi l’intero piatto, governando un ministero dove può mantenere le sue promesse a costo zero, mentre i Cinquestelle si infognano in ministeri costosi.
    Salvini vuole l’intero piatto. E lì allora vedremo davvero quanto lui vale.

  3. Nobn conosco la Grillo e la persona non m’interessa. Quella frase – l’unica che interessi – è incontestabile. Se un bugiardo dice che oggi è sabato, non per questo sarà domenica.

  4. Lei avrà pure ragione, ma io ho seguito i titoli dei giornali, e l’impressione che ha dato con le sue parole.
    Nessuno gli impediva di star zitto.

  5. Per Franco Marino: beh, l’audio di Salvini parla chiaro. Certo, non ha detto “tutti i vaccini” (ci mancava proprio!) ma (https://www.youtube.com/watch?v=Ztgi5tbtyIY)
    “alcuni vaccini salvano la vita; dieci vaccini sono troppi. Per acuni bambini dieci vaccini sono troppi… chi più della mamma o del papà avrà a cuore la salute dei loro figli… è inimmaginabile, quando a settembre riapriranno asili e scuole, che ci siano bambini tenuti fuori dalla classe perché non hanno potuto vaccinarsi.”.
    In https://www.youtube.com/watch?v=GxnBM17_OLg: “alcuni vaccini salvano la vita; dieci vaccini contemporaneamente per molti bambini sono un rischio”.
    A discrezione dei genitori.
    No, così non va in un Paese civile.
    Diciamo meglio: in un Paese civile non c’è necessità di “obbligare”, perché la gente sa che sono utili, per i propri e per gli altrui bambini e, se ci sono motivi oggettivi di pericolosità, la certificazione del medico la motiverà.
    In un Paese come il nostro, in cui l’anti-scienza (con la sottospecie anti-OGM, anti-BigPharma, anti-antitumorali ecc.) è stato cavallo di battaglia per Lega e 5S, con in più migliaia di adepti della medicina omeopatica/naturale/biovegana, l’obbligo diventa necessario. Certo, si potrebbe dire che la responsabilità della propria salute è personale (anche riguardo ai figli minori?) e concludere che “ti sei preso il morbillo, la meningite batterica, la poliomielite, la rosolia ecc., a tre o a trent’anni e tu o i tuoi genitori hanno rifiutato il vaccino? Beh, sai che ti dico? Che siccome lo Stato ha il massimo rispetto per la tua libertà, tutelata dalla Costituzione e dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, non solo non ti curo ma non ti riconosco neanche nessuna “provvidenza””.
    Per me, va benissimo. Ma senza ripensamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *