VECCHI E GIOVANI, OGGI E DOMANI

C’è stato un momento della mia vita in cui ho aspettato che una vecchia signora morisse. Non l’odiavo affatto, ché anzi non l’avevo mai vista, ma una certa situazione giuridico-economica si sarebbe sbloccata soltanto con la sua morte. Del resto, fare il calcolo di ciò che sarebbe conseguito a quella fine non era impresa né malevola né peregrina: la povera … Continua a leggere

L’INSICUREZZA DELLA SICUREZZA

Per l’aereo caduto in Etiopia si fa un’ipotesi agghiacciante, e cioè che l’incidente sia stato causato da un software programmato per evitare che accadano incidenti. La possibilità è stata presa in considerazione perché un incidente dalle modalità del tutto simili si è verificato per un aereo, identico come fabbricante e come modello, caduto in Indonesia. Un aeroplano di solito viaggia … Continua a leggere

IGNORANZA BENEFICA

Ricordate la storia del brutto anatroccolo? Il senso di quella fiaba è che a volte, all’inizio, si considera inferiore qualcuno che un giorno si rivelerà superiore; si prende per negativa una cosa positiva. Nella mia vita c’è stato un anatroccolo del tutto imprevisto: la sensazione della mia ignoranza. Tutto è cominciato con una forma di stupore. Da ragazzo mi capitava … Continua a leggere

LAMENTO SULLA PATRIA DI CHURCHILL

Lo spettacolo che sta dando il Regno Unito mi addolora. Da sempre ho un amore speciale, per quel Paese, anche se non me ne nascondo i limiti. E sono parecchi. Ma i meriti superano i demeriti. In questi giorni sono costretto a dissotterrare un concetto che spesso si dimentica. Molti, sul Continente, accanto ad un’ingiustificata antipatia per i britannici, coltivano … Continua a leggere

MARX SI È SBAGLIATO SULL’UTILITA’ DELLO SCAMBIO

La lettura di una monografia su Karl Marx(1) si è rivelata talmente sorprendente, su un punto della sua teoria, che ho letto alcune pagine almeno tre volte, per essere sicuro di avere capito bene. Marx nega l’utilità dello scambio. Un principio che per me è sempre stato un’innegabile evidenza economica(2). In sintesi: ammesso che un oggetto costi dieci euro, chi … Continua a leggere

NO, DEL TAV NON SI È PARLATO ABBASTANZA

Si è parlato fin troppo del fatto che il Tav si dovesse fare o non fare, ma non si è parlato abbastanza del fatto che quella discussione era sul nulla. E per questo non poteva avere né vincitori né vinti. L’enorme diatriba è stata soltanto una enorme operazione di disinformazione. E proprio di questo non s’è parlato abbastanza. Poiché tutto … Continua a leggere

MASSAIE E COCCODRILLI-2

Il lavoro è entrato anche in un’altra interessante discussione: la valutazione dei beni. I pensatori del Settecento distinguevano il valore d’uso di una merce dal suo valore di scambio. Il valore d’uso dello zucchero consiste nel fatto che preferiamo un tè zuccherato a un tè amaro. Il prezzo di un chilo di zucchero può variare nel tempo, ma il nostro … Continua a leggere

MASSAIE E COCCODRILLI. QUALCHE CONCETTO D’ECONOMIA

Due articoli I concetti fondamentali dell’economia divengono astrusi quando si nutrono di coordinate cartesiane, di formule matematiche, di termini tecnici e di teorie complesse. Ma di solito tutto ciò si ha quando si parla di macroeconomia. Quando invece si scende sul quotidiano, e si accenna a quella che, con disprezzo, si chiama “l’economia della massaia”, tutto diviene non soltanto chiaro, … Continua a leggere

JACQUES BREL E GEORGES BRASSENS

Jacques Brel e Georges Brassens non sono soltanto due autori di canzoni. Sarebbe come definire Galileo e Einstein “due fisici”. Quei due artisti sono stati entrambi così ricchi, così significativi e geniali, da far parte a pieno titolo del mondo della cultura. Hanno soprattutto realizzato un’anomalia, un miracolo: quello della poesia largamente condivisa, fino a lasciare un’impronta viva e indimenticabile … Continua a leggere

PARDO RIMBECILLISCE

C’è un verbo italiano che pensavo, invecchiando, mi potesse riguardare, una volta o l’altra: rimbecillire. Non ci sarebbe da vergognarsene: tutto il corpo invecchia e il cervello è una parte del corpo. Uno supera gli ottant’anni, ha di che congratularsi con se stesso per non essere morto prima, ma in inglese l’aggettivo “senile” (s-nail) già da solo significa “affetto da … Continua a leggere

L’ALTA VELOCITA’ NON È SOLTANTO UN PO’ INCINTA

Una vecchia battuta diceva di una ragazza che era incinta, “ma soltanto un po’”. Lo scherzo irride la pretesa che si possa mediare su tutto. Mediare significa incontrarsi a metà strada, ma se a volte c’è un medio (“Mi devi cento, dammi cinquanta”) a volte non c’è. E invece molti sono convinti che la mediazione sia in ogni caso una … Continua a leggere

BABBO NATALE MANCA ALL’APPUNTAMENTO

Attualmente i giornali sono pieni della decadenza, della contrazione, della perdita di voti e di appeal del Movimento 5 Stelle. Non tutti sono lieti di questo fenomeno, ma esso rimane innegabile. Lo dicono i risultati di tutte le elezioni regionali; lo dicono i sondaggi; lo dicono perfino gli indicatori economici che certificano il fallimento – fino ad ora, e prevedibilmente … Continua a leggere

SONO STANCO DI DIR MALE DEL M5S

Sono stanco di dir male dei Cinque Stelle e per questo proverò a dirne bene. Del resto, quel partito ha molti meriti e molte qualità, ed è onesto riconoscerli. Per cominciare, il Movimento è egalitario. Ciò significa che non soltanto tratta tutti nello stesso modo, ma non attribuisce capacità diverse ai cittadini in base alle loro qualificazioni professionali. Del resto … Continua a leggere

VIVA L’ITALIA!

C’è una crudele verità che riguarda i mariti sfortunati. Ciò che c’è di veramente doloroso nella loro situazione non è tanto il fatto che la moglie vada a letto con un uomo che non è suo marito. Infatti la cosa non può essere eccezionale, dal momento che tanti mariti vanno a letto con donne che non sono le loro mogli … Continua a leggere

ANCORA A PROPOSITO DEI DEBITI

Rispetto al problema di chi pagherà di debiti del mondo, un amico mi ha posto interessanti interrogativi. Che lezione trarre, moralmente, da una situazione in cui chi si è comportato male, prima della catastrofe, se l’è almeno goduta, e chi si è comportato bene, prima, non per questo starà meno male degli altri? Qui la risposta è semplice. Non soltanto … Continua a leggere

ELLE APOSTROFO ANAZIONALITA’

James Nansen è un ex diplomatico americano che vive da decenni in Italia, tanto da scrivere un eccellente italiano, ed è una delle rare persone con cui si può parlare delle proprie nazioni senza incontrare mai denigrazione o autodenigrazione. Recentemente, avendo confermato il mio amore per gli Stati Uniti, ho parlato del “lato provinciale e patriottico (per non dire bigotto) … Continua a leggere

CHI PAGHERA’ I DEBITI DEL MONDO

Qualcuno ha posto una bella domanda: se il mondo intero è sommerso dai debiti pubblici, chi è il creditore? Se scoppiando ciò che chiamerò fenomenale “inflazione congelata” si avesse uno tsunami economico planetario, chi pagherebbe il conto? Prima di rispondere bisogna precisare che cosa intendo con “inflazione congelata”. Se lo Stato concede aumenti salariali o finanzia lavori pubblici con denaro … Continua a leggere

IL VINO DI SALVINI

Tutti i giornali hanno riportato una risoluta dichiarazione di Matteo Salvini secondo la quale lui “mai ritornerà col centrodestra”. E l’hanno commentata adeguatamente. Perdendo il loro tempo. Infatti, per evitarsi una fatica inutile, sarebbe bastato ricordarsi che non ha senso chiedere all’oste se il suo vino è buono. Quel detto non si limita ad una sorridente constatazione, ma ha una … Continua a leggere